Puntate

10° Rally della Val d'Orcia

10° RALLY VAL D’ORCIA - Al vicentino Smiderle (Ford Fiesta) la decima edizione del Rally Val d’Orcia

E’ stata una gara combattuta la decima edizione del Rally Val d’Orcia, valida per il Challenge Raceday Terra, che ha visto tre equipaggi darsi battaglia con scarti ridottissimi per tutte le sei prove speciali del percorso edizione 2019, prima gara in Toscana della stagione rallistica.

Ha prevalso Andrea Smiderle con Alberto Bordin al suo fianco, a bordo della Ford Fiesta WRC della Scuderia Hawk Racing Club. Il pilota di Schio ha avuto in Federico Fanari e Renato Travaglia gli avversari più combattivi, con minimi distacchi, esattamente come Hoelbling nelle sole fasi iniziali, prima del ritiro per rottura di un cerchio.

Sul podio finale Fanari-Stefanelli e Travaglia-Gelli entrambi su Skoda Fabia R5 e che hanno sempre rincorso il vicentino vincente, sono accomunati al 2° posto con identico distacco, 4,3 secondi.

Fanari parte benissimo aggiudicandosi la prova d’apertura, ma Travaglia vincere il maggior numero di speciali, tre, una in più rispetto al vincitore Smiderle, che fa sue la 2a e la 6a riuscendo a vincere il rally in virtù di un velocità costante e sempre nei primi 3 posti di ogni tratto cronometrato.

Giù dal podio e quarto Trevisani, un protagonista del challenge Raceday, che è all’esordio con Marchesini al volante di una Hyundai i20 R5. Positivo anche il debutto su una vettura della massima categoria (R5) di  Tommaso Ciuffi, al volante della Peugeot 208 T16 R5 MM Motorsport. Per il fiorentino gara attenta a non strafare, ma costantemente tra i più veloci ottiene l’ottimo quinto posto finale.

Rally molto spettacolare anche per il locale Pierangioli, con Pollini alle note, sulla rossa Mitsubishi Lancer Evo, che gli permette di issarsi fino al 6° posto assoluto, giusto davanti a Versace-Caldart, 7° sulla Skoda Fabia R5 ed a Marchioro-Dell’Omo, Peugeot 207 S2000, che con l’ottavo posto al traguardo sale in terza piazza nella classifica dedicata al Raceday Rally Terra.

Chiudono i top 10 Gianesini-Franzi, con maggior feeling gara dopo gara con la Skoda Fabia R5 e l’inossidabile “Orso” Bruno Bentivogli, coadiuvato da Cecchi, vincente con autorità del gruppo N, ovvero le auto di serie e decimo assoluto. Restando nel gruppo N, lo sloveno Peljhan ha chiuso in 2a posizione con la Mitsubishi Lancer Evo IX, mentre il sammarinese Vagnini (11°)si conferma il più veloce della classe R3 e lo spettacolare Romagna (12°) con la Lancia Delta Integrale, nella A8.

Ecco gli altri vincitori di classe: Betti in evidenza nella R3T con la Citroen DS3, Uliana con la Ford Fiesta in R2, Chiesura junior con la Honda Civic nella numerosa classe N2, Bucci sulla Renault Clio RS nella N3, Pasquali e la Suzuki Ignis nella S1600, mentre Morgantini si riconferma in A5 con la sempre verde Peugeot 205 Rally e Gallinaro in A7 con la Peugeot 205 Gti. Esordio vincente su terra per Susanna Mazzetti in A6  e Micheli nella R1B con la Suzuki Swift.

 

Abbinata al Rally Moderno anche la prima edizione del Rally Storico della Val d’Orcia con vittoria in solitario per il giovane Alberto Battistolli, in coppia con l’esperto Luigi Cazzaro, su Lancia Delta Integrale 16 V. Ritirato nell’ultimo tratto crono Sipsz, unico altro concorrente, per uscita di strada.

 

Sono stati 53 gli equipaggi che hanno concluso la manifestazione del decennale del Rally della Val d’Orcia, per la prima volta completamente organizzata dalla locale scuderia Radicofani Motorsport con l’importante apporto di Radicofani e San Casciano dei Bagni, le due amministrazioni coinvolte.

Singolare ed a sorpresa durante la gara, la volontà di alcuni pastori locali che hanno sensibilizzato pubblico e media sul prezzo del latte ovino e sui problemi del settore della pastorizia. Atto di vera  solidarietà verso la protesta a livello nazionale partita dalla Sardegna, che si sta estendendo.

 

La gara ha subito un leggero ritardo, ma grazie alla mediazione di direzione gara, forze dell’ordine e media, il rally è proseguito regolarmente. I presenti e partecipanti alla manifestazione sportiva, hanno mostrato la loro solidarietà nei confronti dei pastori e oro problematiche.

Infine Radicofani Motorsport tramite Stefano Pascucci, presidente comitato organizzatore, ha voluto ringraziare gli equipaggi e tutti gli ufficiali di gara, per il prezioso supporto che ha garantito il regolare svolgimento della gara, ben supportati dalle forze dell’ordine, personale medico e paramedico, team della decarcerazione, servizio cronometrico e tutto lo staff del Raceday, quest’ultimo sempre vicino al rally fin dalla sua prima edizione. L’appuntamento ora va al 2020.

CLASSIFICA FINALE 10° RALLY DELLA VAL D’ORCIA:

1.Smiderle-Bordini  (Ford Fiesta WRC) in 36’40”0;

2.Fanari-Stefanelli (Skoda Fabia R5) e Travaglia-Gelli (Skoda Fabia R5), ambedue a 4”3 secondi;

4.Trevisan-Marchesini (Hyundai I20 R5) a 23”2

5.Ciuffi-Gonnella (Peugeot 208 T16 R5) a 39”7

6.Pierangioli-Pollini (Mitsubishi Lancer Evo) a 54”4, leader del gruppo R4

7.Versace-Caldart (Skoda Fabia R5) a 1’00”4

8.Marchioro-Dall’Olmo (Peugeot 207 S2000) a 1’42”6, primo tra le S2000

9.Gianesini-Franzi (Skoda Fabia R5) a 2’11”4

10.Bentivogli-Cecchi  (Subaru Impreza) a 2’33”5, vincitore del gruppo N

  • 0

Anteprima 10° Rally Val d'Orcia

ANTEPRIMA VAL D’ORCIA 2019

           

Concluso il MonteCarlo, che da sempre è primo rally, per tradizione e vasta eco, a febbraio c’era il Carnevale, anche come rally, ma da anni è solo un ricordo, sperando risorga presto. Così il testimone di prima gara toscana nel 2019 spetta al Val d’Orcia, tappa del Challenge Raceday, che in calendario a fine 2018 è slittato di pochi mesi, trovando una data che lo riconsegna sia alla passione dei rallisti sia agli amanti della terra.

Domenica 10 febbraio, nei dintorni di Radicofani saranno quasi settanta vetture a contendersi la vittoria, presenti tutti gli specialisti della serie ideata da Alberto Pirelli oltre agli eterni innamorati del fondo sterrato.

L’evento da questa edizione è interamente organizzata dalla Radicofani Motorsport e coinvolgerà un angolo di territorio tra i più suggestivi della Toscana, avendo nei Comuni di Radicofani e di San Casciano dei Bagni i due epicentri.

Sei le prove speciali in programma, con la conosciuta Radicofani di quasi 13 km e la San Casciano dei Bagni di 6 km e mezzo da ripetersi ognuna per tre volte. Circa 58 il percorso cronometrato che con trasferimenti verso riordini e assistenze arriva a 180.

Sabato 9 palco partenza nella suggestiva Piazza S. Pietro di Radicofani alle 19 con il  riordino notturno a San Casciano dei Bagni. Domenica 10 dalle 8 il via agonistico cui seguirà l’arrivo, sempre a Radicofani dalle 16.20. La base logistica della gara sarà il Palazzo Comunale di Radicofani con Direzione Gara, Segreteria e Sala Stampa.

Lo scorso anno vinse, per la sesta volta, l’equipaggio trentino Taddei-Gaspari con Skoda Fabia R5, davanti al duo Hoelbling-Grassi su analoga vettura. Terzo a sorpresa il giovanissimo Bulacia, astro nascente  boliviano.

  • 0

Italiani al Rally di Montecarlo 2019

ITALIANI AL RALLY DI MONTECARLO 2019

E’ stata abbastanza positiva, l’avventura dei nostri portacolori impegnati nel 87° Rally di Monte-Carlo. Dei 21 partenti solo 12 però hanno visto il traguardo. Analizziamo nel dettaglio i risultati dei piloti tricolori, equipaggio per equipaggio.

Il migliore si conferma Matteo Gamba, bergamasco navigato dall’esperto Nicola Arena, che chiude la sua fatica in 17ma posizione assoluta. Un ritorno ad effetto quello del 40enne pilota ex Procar, che si conferma ancora una volta profondo conoscitore delle strade monegasche.

19° il driver di Domodossola, Davide Caffoni, alla sua prima gara  iridata. Con la Skoda Fabia R5, il lombardo navigato da Massimo Minazzi termina nei top20 e fa suo un risultato inaspettato, maturato grazie ad una gara attenta ma efficace.

Al 21° posto un altro debuttante nel WRC, Alessandro Gino navigato da Danilo Fappani. Il pilota cuneese, sfiora la top20, preceduto di 21 secondi dalla Fiesta WRC ufficiale di Tidemand e termina conscio di tornare quanto prima.

Nei 4 giorni di gara, tre hanno avuto problemi e solo uno positivo. Parliamo di Manuel Villa ligure e Daniele Michi toscano, che hanno concluso 24mi ma 6i di WRC2 e segnano punti importanti, perché parteciperanno a tutte le gare di questo settore del mondiale quest’anno.

Due posizioni più indietro ecco Silvano Patera, pilota di PA Racing, che chiude 26° assoluto, navigato dal decano dei navigatori italiani, Maurizio Barone mentre 28mi sono i veneti Tiziano Gecchele e Mauro Peruzzi, abili a chiudere nei top30 con la Skoda Fabia R5.

La 30ma piazza la centra il varesino Mauro Miele con Luca Beltrame, autori di una grande rimonta, dopo il rientro in gara con la formula del SuperRally.

Positiva la gara di Andrea Nucita e Giuseppe Princiotto con la Hyundai di Bernini. I 2 siculi, veloci e con tempi quasi sempre nei 15 dell’assoluta, con qualche errore di troppo hanno dovuto rincorrere e risalire la classifica, alla fine 37ma piazza assoluta.

 

Ottima la vittoria nel FIA RGT del saluzzese Enrico Brazzoli, campione mondiale in carica WRC3, che affiancato da Roberto Mometti, chiude 41° con l’Abarth 124 spider, mentre 43mi ed autori di un’ottima prestazione sono Davide Riccio e Monica Cicognini, bravissimi nel  superare il taglio finale delle 60 vetture per l’ultima tappa.

 

Tra le 2 ruote motrici, positiva la gara di Blanc-Lattanzi sulla 208 R2, che terminano 45mi assoluti la loro avventura, per Covi-Ometto dieci posti più dietro e 55mi. Classificati ma senza partecipare all’ultima tappa, per la regola del MonteCarlo che ammette al via l’ultimo giorno solo 60 auto, Arengi-Bordignon, 208 R2, Coti Zelati-Ravello e Somaschini-Marchetti ambedue con la DS3 R3T. Applausi a Rachele Somaschini, testimonial della Ricerca sulla Fibrosi Cistica e unica pilota donna in gara poiché terminare una prova mondiale al debutto è assai positivo, considerando le sue particolari condizioni fisiche.

Ritirati invece Paccagnella-Ferrara (Fiesta R5) per incidente sulla PS4, Marenco-Pieri (altra Fiesta) sulla PS7 e Pedro-Baldaccini (Hyundai i20 R5) sulla PS12, mentre i due pistoiesi Gasperetti-Ferrari (Clio R3T) nella 11a escono di strada da leader della RC3. Abbandonano infine a Gap Dionisio-Grimaldi (208 R2) per rottura meccanica.

 

La prossima gara del Mondiale Rally è in Svezia, fra tre settimane.

CLASSIFICA ITALIANI

17° Matteo Gamba – Nicola Arena (Ford Fiesta R5 – 10° RC2)

19° Davide Caffoni – Massimo Minazzi (Skoda Fabia R5 – 12° RC2)

21° Alessandro Gino – Danilo Fappani (Skoda Fabia R5 – 13° RC2)

24° Manuel Villa -Daniele Michi (Skoda Fabia R5 – 16° RC2 – 6° WRC2)

26° Silvano Patera – Maurizio Barone (Skoda Fabia R5 – 18° RC2)

28° Tiziano Gecchele – Mauro Peruzzi (Skoda Fabia R5 – 19° RC2)

30° Mauro Miele – Luca Beltrame (Citroen DS3 WRC – 9° RC1)

37° Andrea Nucita – Giuseppe Princiotto (Hyundai I20 R5 – 22° RC2)

41° Enrico Brazzoli – Roberto Mometti (Fiat Abarth 124 RGT – 1° RGT)

43° Davide Riccio – Monica Cicognini (Ford Fiesta R5 – 24° RC2)

45° Marco Blanc – Luca Lattanzi (Peugeot 208 R2 – 10 RC4B)

55° Carlo Covi – Pietro Ometto (Peugeot 208 R2 – 17° RC4B)

61° Fabrizio Arengi – Filippo Bordignon (Peugeot 208 R2 – 18 RC4B)*

65° Andrea Coti Zelati – Emanuela Ravello (Citroen DS3 R3T – 7° RC3)*

66° Rachele Somaschini – Sergio Marchetti (Citroen DS3 R3T – 8 RC3)*

 

 

 

 

 

 

 

  • 0

Toscana Tv Motori 2019 - 6a puntata (meglio di...)

Stasera 7 febbraio, la 6a puntata 2019 della nostra trasmissione.

Dalle 22,25 sul canale 194 e 24,02 sul 18, nella versione "meglio di", ovvero servizi già trasmessi nella scorsa stagione sportiva.

Ecco quelli che riproponiamo in sequenza in questo appuntamento motori:
- CIVSA: Scarperia-Giogo 2018;
- OSPITI IN STUDIO: Marco Sbrollini, pilota Lancia Delta Evo E1;
- IRC: Rally del Taro 2018;
- OSPITI IN STUDIO: Michele Rovatti;
- RALLY TOSCANA: Rally Reggello 2018;
- OSPITI IN STUDIO: Rallye Experience (Fiore, Della Maggiora, Favali)
- CAMERACAR: Senigagliesi-Morganti a rally Reggello.

Quasi 80 minuti di adrenalina ed immagini a tutto gas.
NOI SIAMO PASSIONE ATTIVA, IN MOVIMENTO!!

  • 0

Toscana Tv Motori 2019 - 5a puntata (meglio di...)

Stasera 31 gennaio, dalle 22,28 (canale 194) e dalle 24,00 (can1) dgt di Toscana Tv, 5a puntata del 2019 di Toscana Tv Motori, l’appuntamento televisivo leader per ascolti e che piace sempre più agli amanti dei motori regionali e non solo.

Sempre nella versione “Meglio di…” (cioè con servizi già trasmessi nel 2018), proponiamo questa serie di filmati:
- CIR: Rally Targa Florio 2018 (servizio ACI Sport);
- Toscani alla Targa Florio 2018 (nostro servizio);
- Rally Valdinievole 2018 (camp reg. toscano);
- Clip Artino-Gabelloni al Valdinievole by MTvideo;
- OSPITI: Thomas Paperini e Simone Fruini;
- Mille Miglia 2018 (rievocazione ed evento);
- CIR: Rally Elba 2018 (nostro servizio);
- Toscani… elbani 2018 (nostro servizio);
- Cameracar di protagonisti all’Elba: Andreucci, Campedelli, Scandola.

Poco più di 70 minuti a tutto gas, perché...
NOI SIAMO PASSIONE ATTIVA, IN MOVIMENTO!!

  • 0

Toscana Tv Motori 2019 - 4a puntata (meglio di...)

24 gennaio e 4a puntata 2019 della trasmissione (versione “meglio di”) stasera, sul canale 194 dalle 22,30 e sul canale 18 dalle 24,00 del dgt regionale.

Questa la scaletta dei servizi:
- CIVSA: Camucia-Cortona;
- OSPITI: Andrea e Uberto Bonucci;
- CIVSA: punto campionato dopo 2 gare;
- RALLY: Liburna Terra 2018 (ns servizio);
- RALLY: Liburna Terra by ACI Sport;
- OSPITI: G. Pezzaioli (Yokohama) e A.Sartoni (MaxiCarRacing).

NOI SIAMO PASSIONE ATTIVA E MOVIMENTO!

  • 0

Toscana Tv Motori 2019 - 3a puntata (meglio di...)

Amanti toscani dei motori, stasera 17 gennaio dalle 22,40 sul canale 194 e dalle 0,00 sul 18, la 3a puntata 2019, versione "il meglio di..." della nostra trasmissione, giunta al 5° anno di vita.

Ci occuperemo totalmente di rally, trasmettendo servizi già trasmessi nel 2018 e più precisamente:
- IRC: toscani protagonisti al Rally Lirenas;
- OSPITI IN STUDIO1: Matteo Ciolli e Gianni Melani;
- Rallyday: Colline Metallifere 2018;
- OSPITI IN STUDIO2: Andrea Simonetti e Nicola Angilletta;
- CIR: toscani protagonisti al Rally Sanremo;
- OBC: best driver al Rally Sanremo;
- OBC: Campanaro-Porcu al Rally Sanremo;
- CIRAS: Rally Vallate Aretine 2018;
- OSPITI IN STUDIO3: GianMarco Marcori e Iacopo Innocenti.

Quasi 90 minuti a tutto gas perché NOI SIAMO PASSIONE ATTIVA, IN MOVIMENTO!!

  • 0

Toscana Tv Motori 2019 - 2a puntata (meglio di...)

Stasera 10 gennaio, dalle 22,10 sul canale 194 e dalle 23,45 sul 18 di ToscanaTv la 2a puntata 2019 di ToscanaTv Motori, versione “meglio di...”, ovvero servizi già trasmessi in precedenti puntate della scorsa annata.

Aprirà la sequenza dei servizi:

- Balletti Motorsport, professionisti specializzati nelle auto storiche;

- ospiti in studio: Alberto Battistolli con “Rudy” Roberto Dal Pozzo;

- Magione, Individual Race Attack, particolare formula di gareggiare che accomuna pista e regole delle cronoscalate;

- amico ed ospite in studio, con Fabrizio Bardi si discuterà di pneumatici ed idee correlate;

- Rally Ciocco 2018 regionale;

- CIVSA, presenza in studio di Giovanni Grasso, campione italiano categoria J1, in compagnia di Adriano Sartoni, CEO di Maxi Car Racing, azienda partner attiva della nostra trasmissione.

Quasi 95 minuti a tutto gas perché NOI SIAMO PASSIONE ATTIVA, IN MOVIMENTO!

  • 0

Toscana Tv Motori 2019 - 1a puntata (5°anno)

Stasera 04 gennaio sul canale 194, dalle 20,55 sarà in onda la 1a puntata della nostra trasmissione, edizione 2019, con replica sabato dalle 23,00 sul canale 18 di ToscanaTv.

Inizieremo con i rally raid, il motorsport di questo periodo e due servizi:

- presentazione dell’Africa Eco Race, gara che ripercorre percorsi e piste delle prime Dakar attraversando Marocco, Mauritania e Senegal;

- introduzione alla Dakar, ormai trasferitasi in Sud America, che sabato prossimo partirà per l’edizione 2019, tutta concentrata in Perù.


Nella sezione Ospiti alcuni protagonisti della classe A-0, Andrea Bartarelli, Alessandro Comellini e Leonardo Santoni in semplice ordine alfabetico, cui seguiranno alcuni cameracar richiesti da vostre mail: Craig Breene, Luca Pierotti, Thomas Paperini.

Oltre 100 minuti a tutto gas perché NOI SIAMO PASSIONE ATTIVA, IN MOVIMENTO!!

Questo sarà nostro slogan per tutto il 2019.

PS: Dalla prossima settimana l’emissione tornerà il giovedì sera dalle 22,35 ed inizieranno le puntate “il meglio di...”

Eventuali servizi di cronaca saranno inseriti all’inizio di ogni singola puntata "meglio di...".

La ripresa dell’attività live è prevista per fine febbraio-inizio marzo.

Grazie della vostra attenzione, fiducia e (soprattutto) presenza settimanale davanti ai video.

ANCORA BUON 2019!!!

  • 0

Runfola-Federighi tris a Pomarance

Runfola-Federighi tris a Pomarance

Il siciliano Runfola e la massese Federighi dominano controllando gli avversari; secondi i livornesi Tucci-Micalizzi, terzi gli elbani Volpi-Maffoni.

5a edizione del Rallyday di Pomarance, gara giovane che ha nei numeri la grande forza, soprattutto in quello degli iscritti, che quest’anno fa segnare il record stagionale con 118 presenze. Laserprom 015, ovvero Gianni Lazzeri & Co, grazie al concreto sostegno dei comuni di Pomarance e Montecatini Val di Cecina, hanno fatto un egregio lavoro inserendo lo shakedown laddove esisteva un prodotto ben rodato ed il risultato ha dato loro ragione, attraverso il folto pubblico e la bella lotta per le posizioni di vertice.

Purtroppo Federico Santini ha avuto un incontro ravvicinato con gli alberi durante lo shakedown e buon per lui ha preso ritiro e “botta” con filosofia, esattamente come Luciano D’Arcio, uno dei papabili vincitori, ritirato sulla prima PS per problemi all’idroguida. Chi certo non ha sorpreso sono stati Marco Runfola con Corinne Federighi alle note, poiché da favoriti e non hanno tradito il pronostico, suggellando il tris di vittorie in questa gara, penultimo round del campionato regionale toscano.

Tornato al volante della Renault Clio R3C, auto con la quale ha vinto il Pomarance due anni fa, Runfola ha preso subito la testa della classifica e nonostante l’esiguo vantaggio ha condotto sino alla fine, resistendo agli attacchi di chi, come Roberto Tucci cercava la prima vittoria in carriera, l’elbano Volpi il successo in trasferta, Signorini un riscatto o Alessio Della Maggiora la conferma di essere in crescita.

Un poker di Renault Clio ha contraddistinto il vertice della classifica finale, con le R3C (prima e terza) alternate alle sempreverdi Super1600 (seconda e quarta) che nel sound acuto e l’aspetto aggressivo sembrano più auto da gara rispetto alle R3C, dove motore ed assetto sono gli atout migliori. Per Runfola poche parole, chi vince tre volte una gara ha qualcosa in più su tutti ed è giusto sia sul gradino più alto del podio.

Condizione che ha maggior valore poiché al secondo posto c’è Roberto Tucci, affiancato da Micalizzi. Il livornese, dimenticata l’uscita di strada del Maremma trova nella voglia di riscatto le motivazioni di una gara volitiva, sempre all’attacco, ma per soli otto secondi non va oltre il posto d’onore, concludendo una stagione comunque positiva.

Buon terzo l’elbano Andrea Volpi, con Maffoni a destra, dopo un rally nel quale hanno segnato prestazioni crono di tutto rispetto.

Quarto e giù dal podio per pochi secondi il lucchese Alessio Della Maggiora, in coppia con Favali, sull’ennesima Clio S1600. Ex kartista, il giovane figlio di Pierluigi, contitolare della Rally Experience, ha dimostrato buon feeling con la Clio muscolosa rilevando la posizione da “medaglia di legno” dopo il ritiro di Fabio Bolognesi, tradito dalla trasmissione della sua Mitsubishi Evo IX, con la quale era al comando del Gruppo N.

Ottimo quinto l’indigeno Nico Signorini che, messa alla frusta la piccola Peugeot 106 kit ed affiancato da Marraccini, ha dato spettacolo segnando tempi di rispetto per traiettorie al limite, in virtù della perfetta conoscenza delle strade di casa.

Positività e buon risultato finale anche per il lucchese Claudio Fanucchi, sesto con ampio merito ed il senese Simone Borghi, Clio Williams, settimo assoluto dopo aver ritrovato e coordinato i sincronismi ossidati di chi è saltuariamente attivo nel racing.

Grande risultato per i fratelli Ancillotti, ristoratori fiorentini con la passione dei rally. Lorenzo alla guida e Cosimo alle note, hanno duellato per tutte le sei speciali con gli altri iscritti nella classe R2B, riuscendo a prevalere e chiudere ottavi assoluti rispetto ad una concorrenza pungente e di spessore. Come il giovane pisano Lorenzo Sardelli, in auto con Giovacchini, in cerca di riscatto dopo il ritiro al Maremma e i 2,6 secondi di distacco sottolineano i contorni della lotta, che l'hanno portato al nono posto finale.

Davanti ai due pistoiesi Incerpi-Monti, esaltanti decimi e velocissimi con la Peugeot 106.

Tra i ritirati Paolo Lenci, fuori alla 6a ps e Iacomini-Demari stufi delle continue rotture.

Ma anche Tuzzolino-Grilli per guai alla pompa dell’olio e Bubola fuori alla prima ps.

Ora resta solo il Fettunta per chiudere l’annata 2018, prima delle consuete cene di scuderia del periodo invernale.

  • 0
Sottoscrivi questo feed RSS

Log in or create an account